Cosa sono le batterie per accumulo energia

accumulo energia

Un argomento parecchio diffuso negli ultimi anni, molto spesso sentiamo parlare di , produzione di energia ,batterie ricaricabili, ad esempio di impianti fotovoltaici.

Accumulatori di energia, sempre alla ricerca di un risparmio economico per la società per cercare di offrire un servizio sempre migliore.

L’obiettivo di queste batterie è di immagazzinarne e conservare energia, da usare nei momenti necessari.

Quali sono le caratteristiche di queste batterie.

Sono durature nel tempo , proprio per questo all’inizio ci si può permettere di investire qualcosa in più, perché nel tempo si ha un buon tornaconto.

Possono erogare una grande quantità di energia.

Non hanno un costo eccessivo.

Non necessitano di tanta manutenzione.

Hanno una funzione continua proprio per permettere un continuo accumulo di energia.

Possono fornire grandi o minori quantità di energia a seconda delle necessità. Le batterie per l’accumulo di energia sono davvero eccezionali!

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi.

Il vantaggio di quelle al piombo e acido e’ che sono le più economiche e più forti, ma lo svantaggio è che sono ingombranti.

Vantaggio di quelle agli ioni del litio, hanno una tecnologia più avanzata e sono in continua evoluzione,quindi durano di più nel tempo, lo svantaggio è che costano più delle altre.

Vantaggio di quelle al nichel-cadmio possono caricare anche a basse temperature,lo svantaggio che hanno una bassa intensità energetica.

Vantaggio di quelle al nichel-metallo-idruro, hanno tre volte la capacità di una batteria al nichel-cadmio, lo svantaggio, il volume e la densità è minore di altre batterie.

Quali sono i prezzi di queste batterie di accumulo.

I prezzi per le batterie si aggirano intorno ai €4000, con un risparmio che si vedrà ovviamente con il passare del tempo.

Conviene effettuare l’installazione di queste batterie.

A parte il costo iniziale che può sembrare una spesa importante a primo impatto, in realtà se si fanno due calcoli, ci si può rendere conto, che con il passare degli anni si possono risparmiare davvero migliaia di euro.

Come vengono smaltite queste batterie.

Lo Smaltimento di queste batterie, hanno solitamente tre fasi, frantumazione, fusione e raffinazione.

La frantumazione si occupa principalmente della separazione dei sui vari componenti

la fusione avviene tra gli 800° e i 1000° C, nei forni a fiamma diretta che vengono alimentati a metano.

poi viene passato alla raffinazione che si occupano dell’eminazione del rame e dello stagno, per passare infine alla raffinazione.

Una buona parte di questi materiali una volta separati e lavorati ,vengono riciclati.